Sospesi sì ma…

Lo sport dovrebbe insegnare a dare il massimo…

Lo dice la scienza e lo dimostrano i fatti. Il Cardiofitness aiuta a stare meglio. Soprattutto nella terza età o quando non si è più così giovani da pensare che nulla possa accaderci. L’unico accorgimento che possiamo mettere in atto  per rimanere in forma è fare sport.

RW_2010palco_zumba10 rid

L’Università del Minnesota ha condotto uno studio sulla salute futura del cervello e del cuore.  I giovani adulti che corrono o svolgono un’attività di cardiofitness avranno memoria e capacità di pensiero migliori tra i quarantatré e i cinquantacinque anni. Se si prende come parametro la memoria verbale, la velocità psicomotoria e la funzione esecutiva, ogni minuto in più eseguito al tapis roulant significa, dopo venticinque anni, più parole corrette nei test di memorizzazione e più velocità nel rapporto tra pensiero e movimento.  Beh, niente male! Per stare bene e in salute è importante muoversi sempre e con costanza. Del resto non a caso i saggi proverbi mettono in guardia: Chi si ferma è perduto!.  In palestra è facile.  Le open solution permettono di allenarsi con le macchine cardio e con i pesi ma è soprattutto con le lezioni che ci si diverte di più. Un corpo efficiente, energico ed aiutante lo si può ottenere in  tanti modi. Uno di questi è il TRX.

Trx

Trx

Questo tipo di allenamento in sospensione fatto con appositi lacci legati ad una struttura fissa aiuta a sviluppare in maniera armonica tutto il corpo incrementando la resistenza, delineando i muscoli senza appesantirli  e, se fatto in modo isotonico, aiuta la flessibilità muscolare. La sfida con la forza di gravità e il peso del proprio corpo è passata dall’essere una prerogativa maschile ad un’altra conquista femminile. Nato come training per uomini duri, primi tra tutti i marines che lo praticavano su luoghi poco spaziosi come le navi o le trincee, da qualche anno è approdato nelle palestre ed è diventato un allenamento per tutti.

Bootcamp

Bootcamp

Ma cosa ha cambiato il TRX per farlo diventare così functional? Gli elementi sono tre e non sono di poco conto se visti sotto l’ottica femminile del “triangolo della crisi” cioè lo spettro dei tricipiti cadenti, dei glutei flaccidi e delle gambe da elefante.

  • Moderazione e approccio più fitness all’attività
  • Richiesta di un rapido miglioramento del tono muscolare
  • Allenamento di gruppo motivante e non noioso

Questa attività adattandosi alla musica e con l’aggiunta delle pause è passata dalla semplice Suspended alla Suspended transition.  L’idea è quella di inserire una figura tra le serie di potenziamento muscolare riempiendo il tempo di riposo con figure di allungamenti, flessibilità e mobilità, transizioni di equilibrio e stabilità o di isometria.  Le pause di rest time possono essere usate per recuperare il fiato, dato che il TRX non deve creare Superman o Wonder Woman ma solo persone gradevoli pisicamente e sane.  Moltissime sono le possibili transizioni, spetta alla fantasia dell’istruttore proporle senza paura osando routines inconsuete che potrebbero anche far sorridere chi le pratica per la prima volta o chi le guarda dall’esterno.  L’allenamento in sospensione non è un’invenzione senza fondamento solo per alimentare la voglia di novità del pubblico palestrato ma un vero è proprio lavoro tridimensionale a tutto raggio nello spazio.

Don’t print!

 

SHARE ON

Ti potrebbe piacere anche...

Lascia un commento...

Chiamaci al

LA TUA PUBBLICITÀ’ QUI

Nuovi articoli via email