Pasolini Independence is my strenght…

Share

Independence is my strenght and

loneliness is my weakness                         Pier Paolo Pasolini

                                                                                                                                                                        Pasolini by Karl-Ludwig Poggemann

Una notte senza luna, una piccola distesa¬†di sabbia bagnata, circondata da un vecchio e diroccato recinto. In quello spiazzo fangoso e putrido dell‚Äôidroscalo di Ostia in posizione prona, un corpo martorizzato viene ritrovato pi√Ļ di quarant‚Äôanni fa.

√ą Pier Paolo Pasolini, poeta, scrittore, regista, drammaturgo, giornalista, editorialista e non solo. Nato a bologna ma figlio putativo della terra friulana della quale era originaria la madre, si trasfer√¨ a Roma nel 1950 dove venne a contatto con una nuova realt√† cos√¨ diversa che quasi per assurdo, divenne la musa ispiratrice di molte delle sue opere.

La realtà delle borgate, l’emarginazione, la miseria del dopoguerra e del sottoproletariato urbano con i suoi caratteristici personaggi, permise a Pasolini di realizzare grandi capolavori come scrittore e regista.

Pasolini by Rockwater Pictures
Pasolini by Rockwater Pictures

 

Mamma Roma by D. Hustic
Mamma Roma by D. Hustic

 

Da¬†Ragazzi di vita (1955), racconto dedicato alla prostituzione omosessuale maschile ad Accattone (1961), il suo primo grande successo come regista, a Mamma Roma (1962) con la superba Anna Magnani, fino a Uccellacci e Uccellini (1966) con Tot√≤ che mor√¨ appena un anno e per quel fim ricevette la menzione speciale al Festival di Cannes del ‚Äô66. Il film girato in parte ad Assisi fu segnato da parecchi aneddoti. Durante le riprese, ci furono i dispetti del corvo che pi√Ļ di una volta tent√≤ di cavare gli occhi a Tot√≤ che gi√† con la vista non era messo bene tanto che si dovettero escogitare stratagemmi per impedire all‚Äôuccello di beccare il grande attore.

Uccellacci Uccellini

L‚Äôinteresse che Pasolini dimostr√≤ verso i vinti della societ√† capitalistica rappresenta il suo essere stato un intellettuale autenticamente ‚Äúlibero‚ÄĚ avverso, fin nel profondo, all‚Äôipocrisia e al falso perbenismo della societ√† borghese italiana degli anni Sessanta e Settanta. In maniera ancora pi√Ļ decisa e radicale critic√≤ il nuovo tipo di sviluppo che fu definito ‚Äúboom‚ÄĚ economico. Periodo che Pasolini addit√≤ come l‚Äôinizio, dell‚Äôomologazione, della massificazione e dell‚Äôappiattimento culturale e delle coscienze; una societ√† dei consumi che accusava di essere sempre pi√Ļ spersonalizzante, avviata a un‚Äôirreversibile mediocrit√† dove i mass media e, in particolare la televisione, diventava come lo strumento usato da un potere tirannico e coercitivo per manipolare le coscienze, distruggendo ogni valore democratico, ogni libert√† di espressione e ogni pensiero critico.

La mia indipendenza, che è la mia forza, implica la solitudine, che è la mia debolezza

Dando uno sguardo alla societ√† attuale, figlia legittima di quella in cui visse lo scrittore bolognese, √® sorprendente come molte di quelle ‚Äúprofezie‚ÄĚ si siano in gran parte avverate, quasi designando, il poeta emiliano a profeta della contemporaneit√†. Sicuramente fu un personaggio scomodo che si attir√≤ contro feroci critiche, e pi√Ļ di qualche nemico potente. La versione ufficiale vuole che Pasolini sia stato ucciso brutalmente da uno di quei ragazzi poveri ed emarginati, della periferia romana, che lo scrittore, al di l√† di ogni pregiudizio, amava e che descrisse in modo cos√¨ lucido nei suoi romanzi e nei suoi film. Un sentimento questo che rimane, l‚Äôespressione pi√Ļ concreta della sua assoluta devozione verso l‚Äôintero creato e quelle forme di esso che egli considerava, meno corrotte e pi√Ļ intrise di umanit√†.

 

 
by Maria Cristina Mancini
Maria Cristina Mancini qui.press

Qui.Press¬†non √® solo un magazine o un brand, √® una filosofia di vita perch√© siamo convinti che in ognuno di noi c‚Äô√® un solo¬†Qui. Quel¬†Qui e ora¬†che fa la differenza di qualit√†! ‚̧ԳŹ